News

19/09/2019 - AGEVOLAZIONI

All’esame del Consiglio dei Ministri nuovi sconti fiscali per la tutela dell’ambiente News

Bonus fiscale fino a 2mila euro per chi rottama la propria auto con motore Euro 4 o precedenti nelle Città metropolitane, che potrà essere utilizzato entro i successivi cinque anni ai fini dell’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale e di altri servizi integrativi, inclusi i servizi di sharing mobility con veicoli elettrici o a zero emissioni, anche in favore dei familiari conviventi.

Stesso bonus è previsto per taxisti, i conducenti e autotrasportatori, operanti nelle Città metropolitane, che rottamano veicoli Euro 4 o inferiori, utilizzabile per la sostituzione del veicolo rottamato con veicoli ibridi o elettrici o ad emissioni ridotte.

Il pacchetto di agevolazioni fiscali è contenuto nel testo decreto-legge, atteso oggi per l’esame in Consiglio dei Ministri, contenente misure urgenti per il contrasto dei cambiamenti climatici e la promozione dell’economia verde.

Tra gli altri sconti ambientali per famiglie e imprese previsti dal provvedimento:

  • la detrazione delle spese, per un importo non superiore a 250 euro, sostenute per il servizio di scuolabus a ridotte emissioni per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di primo grado;
  • un contributo pari al 20 per cento del costo di acquisto di prodotti sfusi e alla spina, privi di imballaggi primari o secondari. Tale contributo sarà corrisposto sotto forma di credito d’imposta per gli esercenti di attività commerciali e come sconto sul prezzo di vendita per l'acquirente finale;
  • agli esercenti che consegnano a domicilio, direttamente o tramite terzi, prodotti non destinati all'esercizio di attività economiche o professionali, secondo modalità sostenibili, viene riconosciuto un credito d'imposta pari allo sconto praticato al consumatore fino al 20% del costo del servizio. Il costo del servizio sarà fiscalmente detraibile dal consumatore in misura pari al 100%.

19/09/2019 - FORMAZIONE IN AULA

Il Mini Master Revisione Legale 2019 è in partenza in 14 città. Iscriviti ora: è compreso nell’Abbonamento! News

Il prossimo 24 settembre partirà il Mini Master Revisione Legale 2019: la terza edizione del percorso MySolution interamente dedicato alla formazione professionale dei Revisori Legali.

Il Mini Master è strutturato in 3 mezze giornate che, oltre all’inquadramento teorico, forniranno un’analisi più pratica e operativa degli argomenti trattati.

La partecipazione all’intero percorso ti consentirà di maturare 12 crediti in materie caratterizzanti del gruppo A per Revisori Legali. Partecipando anche al Master MySolution raggiungerai così i 20 crediti obbligatori. 

Presentiamo il Mini Master con una breve introduzione di Giorgio Gentili, coordinatore del corso e docente in aula insieme a Gabriele Giammarini e Katia Giusepponi. 

 

“La terza edizione del Mini Master Revisione Legale tratta con adeguato equilibrio i principi di revisione, la prassi, l’organizzazione delle attività e le carte di lavoro in materia di revisione legale dei conti, con particolare attenzione ai documenti emessi dal CNDCEC e applicabili alla revisione delle PMI.

Sono approfonditi gli aspetti più rilevanti dell’attività di vigilanza del collegio sindacale incaricato della funzione di revisione legale dei conti.

Tutti gli argomenti sono affrontati considerando i nuovi controlli e attività previsti per i revisori legali e il collegio sindacale dopo l’emanazione del nuovo Codice della crisi e dell’insolvenza.

Ampio spazio è dedicato a case studies per fornire le indicazioni utili a svolgere efficacemente l’attività di revisore legale dei conti nelle piccole e medie imprese.

Approfondimenti saranno dedicati all'analisi delle performance aziendali attraverso il bilancio e agli strumenti di controllo sugli equilibri economico-finanziari.”

Giorgio Gentili

 

Il Mini Master è COMPRESO nell’Abbonamento MySolution: per partecipare l’iscrizione è comunque obbligatoria.

Solo MySolution affianca in modo così completo l’attività del Professionista comprendendo, in un solo Abbonamento, oltre 300 giornate all’anno di formazione professionale accreditata e di alto livello.

Non ti sei ancora iscritto al Mini Master Revisione Legale 2019? Seleziona la tua città e iscriviti subito!

 

Mini Master Revisione Legale 2019

BRESCIA

Dal 24/09/2019

CAGLIARI

Dal 27/09/2019

CATANIA

Dal 09/10/2019

IMPERIA

Dal 09/10/2019  (due lezioni da 5 ore)

LECCO

Dal 25/09/2019

MILANO

Dal 25/09/2019

MODENA

Dal 04/10/2019

OLBIA

Dal 26/09/2019

PESARO

Dal 14/10/2019

ROMA

Dal 08/10/2019

TRENTO

Dal 03/10/2019

UDINE

Dal 01/10/2019

VERONA

Dal 24/09/2019

VICENZA

Dal 02/10/2019

16/09/2019 - PROFESSIONISTI, SCIOPERO NAZIONALE

Commercialisti, proclamato lo sciopero nazionale della categoria e l’astensione dal pagamento delle proprie imposte News

I commercialisti si preparano allo sciopero nazionale, ritenuto ormai indispensabile per dare un “segnale estremo e tangibile” del malessere di professionisti e operatori economici.

Le associazioni nazionali ADC, AIDC, ANC, ANDOC, FIDDOC, SIC, UNAGRACO, UNGDCEC e UNICO hanno proclamato l’astensione degli iscritti all’Ordine dalle attività riguardanti:

  1. la trasmissione telematica dei modelli di pagamento F24 dei commercialisti iscritti all'Ordine, dalle ore 24.00 del giorno 29 settembre 2019 alle ore 24.00 del 1° ottobre 2019;
  2. la partecipazione ad udienze presso le Commissioni Tributarie provinciali e regionali, dalle ore 24.00 del giorno 29 settembre 2019 alle ore 24.00 del 7 ottobre 2019.

In merito al primo punto, i presidenti dei sindacati hanno tenuto a precisare che l'astensione riguarderà l'invio dei soli F24 redatti per se stessi quali commercialisti iscritti all'Albo e non quello dei clienti, così da non farli incorrere in sanzioni.

Come si legge nel Comunicato Stampa diramato dalle Associazioni, le ragioni dello sciopero sono sostanzialmente il proliferare degli adempimenti fiscali, che perdura da troppo tempo, e soprattutto “il caos ISA”, con riferimento al quale viene ribadita la richiesta della disapplicazione degli Indici per l’anno 2018 o, in subordine, la loro applicazione in via facoltativa.

I commercialisti chiedono inoltre: 

  • la sistematica e formale consultazione della categoria nella formulazione di norme e procedure nelle materie di loro competenza;
  • una concreta semplificazione e riduzione degli adempimenti tributari;
  • la rigida osservazione dello Statuto del Contribuente. 

Durante il periodo di astensione saranno comunque garantite le prestazioni indispensibili previste dall'art. 5 del Codice di autoregolamentazione .

L'iniziativa ha ricevuto l'approvazione del Consiglio nazionale. "È un segnale importante - ha dichiarato il presidente Massimo Miani - una decisione presa dopo i tanti vani tentativi fatti per sensibilizzare il Governo e le Entrate sulle difficoltà che  la categoria sta vivendo".

16/09/2019 - NUOVE FUNZIONALITÀ

Nuova ricerca “3-Solution”: Indice analitico, Ricerca a testo libero e Ricerca per estremi. 3 volte più immediata, completa e mirata News

MySolution ridefinisce la tua esperienza di ricerca all’interno della Piattaforma: ora hai a disposizione la nuova suite di ricerca integrata che abbraccia in modo flessibile tutte le tue necessità.

La suite di ricerca “3-Solution” comprende 3 strumenti:

  1. Indice analitico: un elenco completo di oltre 1.000 voci che raccolgono i contenuti ad esse associati.

  2. Ricerca a testo libero: la ricerca libera di tutti i contenuti della Piattaforma, potenziata e ora arricchita dei suggerimenti.

  3. Ricerca per estremi: la ricerca rapida dei documenti ufficiali presenti in Banca Dati.

 

 

 

Un nuovo modo di concepire la ricerca che è 3 volte più:

  • Immediata
  • Completa
  • Mirata

La ricerca anticipa le tue richieste suggerendo i termini correlati e presentando solo i risultati davvero pertinenti. 

Con “3-Solution” sono disponibili per te tutti i contenuti utili per la tua Professione: ora li potrai trovare ancora più facilmente. L’obiettivo è semplificare e velocizzare la tua attività con uno strumento che lavora al tuo fianco.

 

Indice analitico

Il nuovo indice analitico raccoglie oltre 1.000 voci. Vuoi approfondire un particolare argomento? Ti basterà cliccare sulla relativa voce e il sistema troverà per te tutti i contenuti MySolution che la Redazione ha associato a quell’argomento.

All’interno dell’indice sono inoltre evidenziate delle macro aree (es. Antiriciclaggio, Bilancio, Dichiarazioni, IVA, Società) che raccolgono tutte le voci inerenti.  

L’indice analitico MySolution sarà il nuovo punto di riferimento per il tuo Studio.

 

 

In pratica con il nuovo indice analitico puoi:

  • Cercare l’argomento di tuo interesse tra le oltre 1.000 voci disponibili.
  • Accedere ai documenti classificati tramite le voci ed i numerosi sinonimi presenti nell’indice.
  • Eseguire una ricerca più ampia a partire dalle macro aree.
  • Filtrare le voci per lettera dell’alfabeto.
  • Visualizzare tutte le voci: è sufficiente scorrere la pagina.

Per guardare il video tutorial sul nuovo indice analitico CLICCA QUI

Ricerca a testo libero

La ricerca a testo libero ti permette di cercare qualsiasi documento all’interno della Piattaforma in base alle parole contenute.

Il nuovo software ti suggerisce i termini correlati, più frequentemente cercati dagli utenti. È sufficiente iniziare a digitare la parola: il resto lo completerà il sistema. Le ricerche correlate sono elencate anche in fondo alla pagina dei risultati.

La logica di ricerca è stata inoltre ottimizzata per presentarti i risultati più rilevanti sulla base dei “tag” inseriti dalla Redazione MySolution.

Le maschere di ricerca e i risultati sono presentati in una nuova veste grafica che rende più semplice e intuitivo l’utilizzo.

 

 

 

In pratica con la nuova ricerca a testo libero puoi:

  • Selezionare uno tra i termini di ricerca consigliati dalla maschera principale.
  • Ordinare i risultati  per “più rilevanti” o “più recenti”.
  • Filtrare i risultati per Approfondimenti e Guide, Informazioni, Banche Dati, e per il Lavoro anche per Contrattazione collettiva e Sintesi e Tabelle.
  • Impostare un filtro più avanzato per tipologia di documento, data o periodo di pubblicazione.
  • Effettuare una ricerca avanzata impostando “ricerca frase esatta” o altre logiche di ricerca “esperta” (OR, AND, NOT).
  • Proseguire la ricerca cliccando sui termini correlati elencati in fondo alla pagina dei risultati.

Per guardare il video tutorial sulla nuova ricerca a testo libero CLICCA QUI

 

Ricerca per estremi

La nuova ricerca per estremi ti consente di trovare in modo rapido i documenti ufficiali della Banca Dati MySolution in base a tipologia, data e numero.

 

In pratica con la nuova ricerca per estremi puoi:

  • Scegliere il tipo di sezione tra Legislazione, Normativa Comunitaria, Prassi, Giurisprudenza e Comunicati stampa e per il Lavoro anche Contrattazione collettiva.
  • Indicare il tipo documento, la data (o il solo anno), il numero e l’articolo.
  • Visualizzare tutti i risultati in ordine cronologico (a partire dal più recente).

 

Per guardare il video tutorial sulla nuova ricerca per estremi CLICCA QUI

La nuova Ricerca e il nuovo Indice MySolution possono ancora migliorare, per questo ci serve la tua opinione. Invia i tuoi suggerimenti o le tue segnalazioni all’indirizzo email suggerimentimysolution@cesimultimedia.it. Grazie!

16/09/2019 - POLITICHE FISCALI

Gualtieri: “La flat tax è archiviata” News

La flat tax è “archiviata”: lo ha affermato il ministro dell'Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri.

Il quale ha confermato che il Governo è impegnato a bloccare l'aumento dell'Iva ed avviare una riduzione della pressione fiscale: le risorse saranno garantite anche dall'azione di contrasto all'evasione fiscale e dalla revisione degli incentivi fiscali.

A rischio, quindi, l'estensione della flat tax con applicazione dell'imposta secca al 20% di Irpef e Irap per le partite Iva con ricavi o compensi compresi tra 65.001 e 100.000 euro, che peraltro attende ancora l'autorizzazione dall'Unione Europea, e la flat tax al 15% sui redditi di lavoro dipendente e pensionati proposta dal precedente Governo. Si dovrà quindi attendere la prossima Manovra di bilancio e il decreto fiscale collegato per una conferma definitiva in merito.