News

12/10/2020 - EMERGENZA CORONAVIRUS

In arrivo nuove restrizioni nel Dpcm anti Covid-19: chiusura anticipata di bar e ristoranti e limitazioni per feste private e cerimonie News

Dopo la riunione tenutasi ieri con il Comitato tecnico-scientifico, è previsto per oggi l’incontro tra Governo, Regioni ed enti locali in vista dell’approvazione del Decreto del presidente del Consiglio con le nuove regole anti contagio da Covid-19, che dovrebbero trovare applicazione da giovedì 15 ottobre 2020.

Secondo le prime anticipazioni, le nuove misure dovrebbero prevedere:

  • la chiusura alle ore 24.00 di bar e ristoranti e il divieto di consumare bevande all’aperto dopo le ore 21.00;
  • il divieto di feste private e l’obbligo di un numero massimo di trenta partecipanti alle cerimonie e riunioni (battesimi, matrimoni, feste di laurea, ecc.);
  • il divieto per gli sport amatoriali di contatto (come il calcetto, il volley, il basket).

Sarebbero confermate, per il momento, le limitazioni alle presenze e le regole di distanziamento esistenti per congressi, fiere e manifestazioni pubbliche. Raccomandato l’uso dello smart working e l’uso delle mascherine per i non conviventi anche all'interno della casa. In valutazione la limitazione della quarantena a 10 giorni e lo stop al doppio tampone negativo.

Si ricorda inoltre che ai sensi del D.L. 7 ottobre 2020, n. 125 , i governatori delle Regioni potranno introdurre autonomamente solo disposizioni più restrittive rispetto alle misure di contenimento decise dal Governo. La previsione di misure ampliative è ammessa nei soli casi e nel rispetto dei criteri previsti dai decreti nazionali e d'intesa con il Ministro della salute.

09/10/2020 - IMPRESE, ADEMPIMENTI

Registro imprese e REA, in vigore le nuove specifiche tecniche relative ai modelli News

Con un decreto direttoriale dell'8 ottobre 2020, il Ministero dello Sviluppo economico ha modificato le specifiche tecniche – di cui al D.M. 18 ottobre 2013 , come modificato da ultimo dal D.M. 10 luglio 2019 - relative alla modulistica telematica per la trasmissione di atti, domande e denunce al Registro delle imprese e al REA.

Le modifiche riguardano:

  1. Creazione di nuovi comuni per fusione di preesistenti;
  2. Modifiche codici cap e denominazioni comuni;
  3. Soppressione codice di parentela per uso previdenziale;
  4. Aggiornamento per nuovi codici carica;
  5. Aggiornamento per nuovi codici di tabelle Albi e Ruoli;
  6. Aggiornamento autorizzazioni bolli virtuali.

Le nuove specifiche tecniche sono efficaci da ieri, 8 ottobre 2020. A partire dal 9 novembre 2020 non potranno più essere utilizzati programmi realizzati sulla base delle precedenti specifiche tecniche.

08/10/2020 - EMERGENZA CORONAVIRUS

In Gazzetta la proroga al 31 gennaio 2021 dello stato di emergenza. In vigore le nuove regole anti-Covid News

Pubblicati ieri in Gazzetta Ufficiale la delibera del Presidente del Consiglio che proroga fino al 31 gennaio 2021 lo stato di emergenza causa Covid-19 e il decreto-legge con le nuove regole collegate. Con tale decreto vengono inoltre prorogate al 15 ottobre le disposizioni del D.P.C.M. 7 settembre 2020 con le misure di contenimento finora in vigore e la cui applicazione era scaduta ieri.

In particolare, il decreto introduce l’obbligo di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie e amplia le circostanze che prevedono l’obbligo di indossarli. La mascherina dovrà essere indossata anche all’aperto se in prossimità di persone non conviventi, con pesanti multe da 400 a 1.000 euro per la violazione.

Il provvedimento proroga inoltre al 31 gennaio 2021 le disposizioni già in vigore che consentono al Governo di adottare misure volte a contenere e contrastare i rischi sanitari derivanti dalla diffusione del virus. Tali misure, in relazione all’andamento epidemiologico e secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio effettivamente presente, potranno essere stabilite per specifiche parti o per tutto il territorio nazionale e per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, comunque reiterabili e modificabili.

Slittano quindi al 31 gennaio 2021 i termini previsti dagli altri decreti emergenziali a contrasto dell’epidemia (Decreti-legge n. 19/2020 n. 33/2020 ), mentre sono prorogate al 31 dicembre 2020 le disposizioni del D.L. 30 luglio 2020, n. 83 , tra cui:

  1. le norme su lavoro agile;
  2. la sospensione dei termini di accertamento e notifica delle sanzioni;
  3. la produzione di mascherine chirurgiche e dispositivi di protezione individuale in deroga alle vigenti disposizioni;
  4. l'esenzione da garanzia per le domande di finanziamenti agevolati per le esportazioni e l'internazionalizzazione;
  5. le norme sul deposito telematico degli atti giudiziari e sulle udienze in videoconferenza nei giudizi civili e penali.

Sono stati inoltre differiti al 31 ottobre 2020 i termini per la presentazione delle domande di Cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e Cig in deroga con causale Covid-19, di cui all'art. 1, commi 9 e 10 , del decreto "Agosto" (D.L. 14 agosto 2020, n. 104).

Oltre all’obbligo di portare sempre con sé le mascherina e di indossarla all'aperto se in prossimità di persone non conviventi, continuano ad applicarsi i protocolli e linee-guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali. Restano esonerati dall'obbligo i bambini sotto i sei anni, i soggetti affetti da patologie e disabilità e coloro che stanno svolgendo attività sportiva.

Il decreto prevede, infine, che i governatori delle Regioni potranno introdurre autonomamente solo disposizioni più restrittive rispetto alle misure di contenimento decise dal Governo. La previsione di misure ampliative è ammessa nei soli casi e nel rispetto dei criteri previsti dai decreti nazionali e d'intesa con il Ministro della salute.

07/10/2020 - CONVEGNO ON-LINE

Oggi in diretta streaming il Convegno On-line "Il Superbonus 110% e la sua applicazione" News

Oggi in programma, dalle ore 14.30 alle ore 17.30, il Convegno in diretta streaming "Il Superbonus 110% e la sua applicazione". Con questo evento MySolution inaugura la nuova Stagione di Convegni On-line: incontri tematici incentrati sugli argomenti più importanti del momento. 

Il Convegno sarà occasione per approfondire in modo pratico e operativo tutte le regole, le procedure e gli adempimenti necessari per usufruire della nuova maxi detrazione fiscale, cogliendone le opportunità ma anche esaminando i profili di responsabilità dei tecnici e del professionista che rilascia il visto.

Il Programma in dettaglio

  • Gli interventi incentivabili – I lavori trainanti e quelli trainati
  • Ambito di applicazione – Privati, condomini, cooperative edilizie, ASD/SSD
  • Adempimenti operativi per la fruizione del bonus
  • La cartolarizzazione della detrazione – La piattaforma telematica per la cessione del credito
  • La responsabilità dei tecnici e quelle del professionista che rilascia il visto


Come sempre, l'impegno di MySolution e l’auspicio dei suoi relatori è che questo Convegno sia un momento di confronto che aiuti i Professionisti ad "entrare" più velocemente nella novità e semplificare il lavoro di studio, mettendo a fuoco le diverse problematiche legate al superbonus che tanto interesse sta riscuotendo tra i contribuenti e gli operatori.

I relatori che si alterneranno nel corso della diretta sono due stimati ed autorevoli docenti MySolution:

Lelio Cacciapaglia -  Dottore Commercialista e Revisore Legale. Ricopre incarichi di rilievo all’interno dell’Amministrazione Finanziaria e in commissioni istituzionali governative. Coordinatore Scientifico MySolution|Formazione.

Riccardo Lambri - Dottore commercialista e Revisore legale, specializzato in imposte dirette, IVA e contenzioso tributario sia a livello nazionale che internazionale seguendo svariati gruppi societari. 

Il Convegno di oggi:

  • è gratuito, aperto a tutti previa iscrizione
  • è un evento accreditato (3CFP)

Iscriversi on-line è semplice e veloce

SCOPRI DI PIÙ E ISCRIVITI

06/10/2020 - MANOVRA ESTIVA

Decreto “Agosto”, via libera del Senato alla conversione in legge News

Il decreto "Agosto" incassa il via libera del Senato che nella seduta del 6 ottobre 2020,  con 148 voti favorevoli e 117 contrari, ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando l'emendamento n. 1.900 interamente sostitutivo del ddl n. 1925 di conversione in legge del D.L. 14 agosto 2020, n. 104 . Il provvedimento passa ora all'esame della Camera per l'approvazione definitiva.

Tra le principali novità fiscali, introdotte con la conversione in legge del decreto, la proroga dei versamenti per i soggetti Isa, il restyling del superbonus del 110%, l'ampliamento del contributo a fondo perduto e del bonus ristorazione, l'esenzione Imu per alberghi e strutture ricettive, l'aumento del credito d’imposta sugli affitti d’azienda, oltre alla possibilità per le imprese in difficoltà di rinviare al prossimo anno gli ammortamenti legati al bilancio 2020 del costo delle immobilizzazioni materiali e immateriali.

In sintesi alcune delle principali novità della conversione in legge.

DECRETO "AGOSTO" - LE NOVITA' DELLA CONVERSIONE IN LEGGE

VERSAMENTI FISCALI – PROROGA

  • I contribuenti che applicano gli Isa e collegati, di cui all'art. 1, commi 1  e 2  del D.P.C.M. 27 giugno 2020, che hanno subito un calo del fatturato o dei corrispettivi pari o superiore al 33% nel primo semestre dell'anno 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, potranno regolarizzare il versamento delle imposte scadute lo scorso 20 agosto, entro il 30 ottobre 2020, con una maggiorazione nella misura dello 0,8% a titolo di interessi di mora e senza applicazione di sanzioni.

SUPERBONUS 110%

  • Ridefinito il requisito di accesso autonomo all’esterno dell’unità immobiliare, che comprende anche l’accesso dalla strada o da cortile o giardino, anche di proprietà non esclusiva (es. area condominiale).

  • L’opzione per la cessione del credito o dello sconto in fattura potrà essere deliberata a maggioranza dall’assemblea condominiale. Ammesse anche le assemblee di condominio da remoto, ma solo con il consenso di tutti i condòmini.
  • Gli accertamenti sulle asseverazioni rilasciate dai tecnici abilitati sugli immobili plurifamiliari andranno riferiti esclusivamente alle parti comuni degli edifici interessati. Le irregolarità di unità singole non incideranno sull’autorizzazione dell’intervento complessivo.

CONTRIBUTO a FONDO PERDUTO PARTITE IVA

  • Riapertura dei termini per accedere al contributo a fondo perduto, introdotto con il decreto “Rilancio” (D.L. n. 34/2020 ), per le partite Iva che hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nei territori dei comuni colpiti da calamità i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data della dichiarazione dello stato di emergenza Covid-19 (31 gennaio 2020), classificati totalmente montani.

BONUS RISTORAZIONE

  • Riconoscimento del contributo a fondo perduto di cui all’art. 58 del decreto “Agosto” (D.L. n. 104/2020) anche alle attività di ristorazione con somministrazione, alle mense e alle imprese che svolgono catering continuativo su base contrattuale, per l’acquisto di prodotti di filiere agricole e alimentari da materia prima italiana, compresi quelli vitivinicoli. I beneficiari dovranno aver subito una diminuzione di fatturato e corrispettivi pari ai tre quarti dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi registrati nei mesi da marzo a giugno 2019.

CREDITO d’IMPOSTA SANIFICAZIONE AMBIENTI di LAVORO e ACQUISTO DPI

  • Stanziati ulteriori 403 milioni di euro, in aggiunta ai 200 milioni previsti dal decreto “Rilancio”, al fine di aumentare la percentuale del tax credit spettante (con il precedente stanziamento è stato garantito alle imprese richiedenti una percentuale del credito d’imposta pari al solo 9% delle spese sostenute).

CREDITO d’IMPOSTA per AFFITTO d’AZIENDA STRUTTURE RICETTIVE

  • Incremento dal 30% al 50% del credito d'imposta sugli affitti d'azienda per alberghi e strutture turistico-ricettive. Il credito d’imposta sarà utilizzabile da luglio 2020 fino a dicembre 2020.
  • Qualora per la stessa struttura turistico-ricettiva siano stati stipulati due contratti distinti – uno relativo alla locazione dell'immobile e uno riferito all'affitto dell'azienda – il credito d'imposta può essere riconosciuto per entrambi 

TRIBUTI LOCALI

  • Esenzione dalla prima e seconda rata IMU per le pertinenze degli immobili D/2 (alberghi e pensioni).
  • Esenzione dalla Tosap estesa fino al 15 ottobre per il commercio ambulante.