News

16/07/2021 - DECRETO "SOSTEGNI-BIS", AGEVOLAZIONI

Tax credit sanificazione ed adeguamento ambienti di lavoro: comunicazioni dal 4 ottobre al 4 novembre 2021 News

È stato emanato ieri il provvedimento direttoriale n. 191910 del 15 luglio 2021 con il quale l’Agenzia delle Entrate definisce le modalità di accesso al nuovo credito d’imposta per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per COVID-19, di cui all’art. 32 del decreto “Sostegni-bis” (D.L. 25 maggio 2021, n. 73). In particolare:

  1. la norma citata ha introdotto un credito d’imposta del 30 per cento per le spese sostenute nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per Covid-19;
  2. il credito d’imposta spetta fino ad un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 200 milioni di euro per il 2021;
  3. possono usufruirne:
    1. i soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni;
    2. gli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo Settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti;
    3. le strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale, purché in possesso del codice identificativo regionale ovvero, in mancanza, identificate mediante autocertificazione in merito allo svolgimento dell’attività ricettiva di Bed and Breakfast;
  4. sono ammesse le seguenti spese:
    1. sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale e degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;
    2. somministrazione di tamponi a coloro che prestano la propria opera nell’ambito delle attività lavorative e istituzionali;
    3. acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
    4. acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;
    5. acquisto di dispositivi di sicurezza diversi da quelli di cui sopra, quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
    6. acquisto di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
  5. la comunicazione contenente l’ammontare delle spese ammissibili sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021, dovrà essere inviata dal 4 ottobre al 4 novembre 2021, utilizzando il modello approvato con il richiamato Provvedimento direttoriale 15 luglio 2021, n. 191910/2021 ;
  6. l’ammontare massimo del credito d’imposta fruibile è pari al credito d’imposta richiesto, moltiplicato per la percentuale resa nota con apposito provvedimento, che sarà emanato entro il 12 novembre 2021;
  7. il credito d’imposta può essere utilizzato:
    1. nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa;
    2. in compensazione, a partire dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del provvedimento di cui al precedente punto 6.

14/07/2021 - DECRETO "SOSTEGNI-BIS", SCADENZE

Approvato dalla Camera il decreto “Sostegni-bis” convertito in legge: come cambiano i termini di versamento dei tributi News

Con 363 voti favorevoli, 9 contrari e 38 astenuti l’Aula della Camera, nella seduta del 14 luglio 2021, ha approvato il disegno di legge di conversione (A.C. 3132-A-R) del decreto “Sostegni-bis” (D.L. 25 maggio 2021, n. 73 ), recante misure urgenti connesse all'emergenza da Covid-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali. Il provvedimento, sul quale la Camera aveva già espresso il voto di fiducia, passa ora all'esame del Senato per la definitiva conversione in legge.

Per quanto riguarda in particolare i termini di versamento tributari, si segnalano alcune importanti novità (alcune delle quali introdotte in sede di conversione):

  • cambiano le scadenze per il versamento delle imposte da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono approvati gli Indici sintetici di affidabilità fiscale e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito da ciascun indice. In particolare, per i soggetti ISA vengono prorogati al 15 settembre 2021 i termini di versamento delle imposte - senza alcuna maggiorazione - risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, Irap ed Iva in scadenza dal 30 giugno al 31 agosto 2021. Tale proroga si applica anche:
    a) ai soggetti che presentano cause di esclusione dagli ISA;
    b) ai contribuenti che adottano il regime di cui all’art. 27, comma 1 , del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modifiche dalla legge 15 luglio 2011, n. 111 ;
    c) ai soggetti rientranti nel regime forfetario ex legge 23 dicembre 2014, n. 190 ;
    d) ai soggetti che partecipano a società, associazioni ed imprese ex artt. 5 , 115 e 116 , del Tuir;

  • slittano le rate relative alla “Rottamazione-ter” e al “Saldo e stralcio” sospese da febbraio 2020. I versamenti potranno essere effettuati in quattro scadenze dal 31 luglio (che passa al 2 agosto) al 31 ottobre, mentre le rate sospese del 2021 andranno versate in unica soluzione entro il prossimo 30 novembre 2021. In particolare, il nuovo calendario prevede il rinvio:
    - al 31 luglio 2021 (2 agosto come primo giorno feriale) delle rate scadute il 28 febbraio e 31 marzo 2020;
    - al 31 agosto 2021 delle rate del 31 maggio 2020;
    - al 30 settembre 2021 delle rate del 31 luglio 2020;
    - al 31 ottobre 2021 delle rate del 30 novembre 2020;
    - al 30 novembre 2021 delle rate del 28 febbraio, 31 marzo, 31 maggio e 31 luglio 2021;

  • prorogata al 31 agosto 2021 la sospensione dei termini di versamento, in scadenza dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2021, derivanti da:
    - cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione;
    - avvisi di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle Entrate;
    - avvisi di addebito emessi dagli enti previdenziali; - atti di accertamento esecutivo emessi dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli;
    - ingiunzioni di cui al R.D. 14 aprile 1910, n. 639 , emesse dagli enti territoriali;
    - atti esecutivi emessi dagli enti locali ai sensi dell’art. 1, comma 792 , della Legge 27 dicembre 2019, n. 160 (Legge di Bilancio 2020) sia per le entrate tributarie che per quelle patrimoniali.
    I versamenti sospesi dovranno essere effettuati in un’unica soluzione entro il 30 settembre 2021;

  • fino al 31 agosto 2021 sono sospesi i pignoramenti presso terzi effettuati prima della data di entrata in vigore del decreto-legge in esame dall’agente della riscossione e dai soggetti iscritti all’albo previsto dall’art. 52, comma 5 , lettera b), del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza. Fino alla stessa data del 31 agosto 2020, inoltre, tali somme non saranno sottoposte al vincolo di indisponibilità e il terzo pignorato le renderà fruibili al debitore esecutato, anche in presenza di assegnazione già disposta con provvedimento del giudice dell’esecuzione.

14/07/2021 - DECRETO "SOSTEGNI-BIS"

In arrivo contributi a fondo perduto per i settori wedding, intrattenimento e HORECA. Oggi il voto di fiducia sul decreto "Sostegni-bis" News

Un emendamento al testo (Ddl n. 3132-A/R) di conversione in legge del decreto “Sostegni-bis” () - sul quale l'Aula di Montecitorio voterà nelle prossime ore la questione di fiducia posta ieri dal Governo - prevede contributi a fondo perduto a favore delle imprese operanti nei settori del wedding, dell’intrattenimento, dell’organizzazione di feste e cerimonie e del settore dell’Hotellerie-Restaurant-Catering (HORECA).

Un altro emendamento riconosce - attraverso l’introduzione dei commi 30-bis, 30-ter e 30-quater all’interno dell’art. 1 - ai titolari di reddito agrario (ex art. 32 del Tuir), e ai soggetti con ricavi derivanti da specifiche attività di cessioni e prestazioni (ex art. 85, comma 1 , lettere a) e b), del Tuir) o compensi in denaro o in natura superiori a 10 milioni e non superiori a 15 milioni di euro, in possesso dei requisiti richiesti:

  1. il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 1 del D.L. 41/2021, calcolato applicando il 20% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e l’ammontare medio mensile di fatturato e corrispettivi del 2019; in tal caso è riconosciuto anche il contributo “ulteriore” di cui al provvedimento in esame alle partite Iva attive al 26 maggio 2021;
  2. il contributo a fondo perduto, alternativo a quello di cui all’art. 1 , commi da 1 a 3, del D.L. 41/2021, riconosciuto a favore dei titolari di partita Iva che svolgono attività d’impresa, arte o professione o producono reddito agrario, a specifiche condizioni, in termini di limiti di reddito agrario, ricavi o compensi. Qualora il beneficiario abbia diritto al contributo di cui al precedente n. 1), detto contributo è determinato applicando il 20% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi nel periodo 1° aprile 2020-31 marzo 2021 e l’ammontare medio mensile di fatturato/corrispettivi nel periodo 1° aprile 2019-31 marzo 2020. In tal caso non spetta il contributo “ulteriore” per le partite Iva attive al 26 maggio 2021;
  3. il contributo a fondo perduto per le partite Iva che svolgono attività d’impresa, arte o professione o producono reddito agrario (art. 1 , commi 5-13, del D.L. 41/2021) calcolato, se il beneficiario non ha diritto a quello di cui al n. 1), applicando il 30% alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi nel periodo 1° aprile 2020-31 marzo 2021 e l’ammontare medio mensile di fatturato/corrispettivi nel periodo 1° aprile 2019-31 marzo 2020.

Continuano ad applicarsi le norme contenute nel decreto “Sostegni” (D.L. 41/2021 ).

14/07/2021 - FORMAZIONE ON-LINE

Nuovi Webinar Come Fare: risposte pratiche per gli abbonati MySolution. Iscriviti a “Come compilare l’istanza per il fondo perduto attività stagionali” News

MySolution presenta la nuova linea di prodotti formativi dal titolo Webinar Come Fare, appuntamenti on-line con i nostri docenti che spiegano passo passo le modalità per effettuare correttamente adempimenti, presentare istanze o compilare modelli, evidenziando i passaggi critici e suggerendo soluzioni. I nuovi Webinar, della durata di circa 1 ora, rappresentano una nuova modalità di supporto all’attività dei professionisti, differenziandosi dagli altri format di Formazione On-line proprio per il loro fine di illustrare le corrette modalità operative per svolgere determinate attività pratiche. Con questa nuova linea di prodotto, desideriamo offrire ai nostri abbonati un’alternativa pratica, operativa e concentrata nel tempo che sia in linea con le attuali esigenze dei professionisti: aggiornarsi, imparare, ottenere risposte ottimizzando al massimo i tempi.

I nuovi Webinar Come Fare vanno quindi ad arricchire ulteriormente la già ricca proposta di corsi di formazione MySolution e sono inclusi nell’abbonamento MySolution, quindi completamente gratuiti per i nostri Abbonati. Per questa tipologia di corsi non è prevista l’erogazione di crediti formativi.

Il primo Webinar Come Fare è in programma mercoledì 21 luglio in diretta streaming e si occuperà di “Come compilare l’istanza per il fondo perduto attività stagionali”. Durante la lezione, la docente Sandra Pennacini analizzerà, a partire dalla modulistica, gli aspetti operativi di compilazione, ponendo l’accento sulle novità e criticità che caratterizzano l’accesso al beneficio.

I Webinar Come Fare sono gratuiti per gli Abbonati MySolution, ma è sempre necessaria l’iscrizione per poter frequentare la lezione.

> ISCRIVITI SUBITO

 

Data e orario

21 luglio 2021, h 15.00-16.15

 

Presentazione

Entro il 2 settembre 2021, i soggetti legittimati a richiedere il riconoscimento del contributo a fondo perduto “attività stagionali” (art. 1 , commi 5-15, del D.L. n. 73/2021) sono chiamati a trasmettere una nuova istanza telematica, caratterizzata dall’alta complessità. Nel corso del Webinar Come Fare, a partire dalla modulistica, verranno analizzati gli aspetti operativi di compilazione ponendo l’accento sulle novità e criticità che caratterizzano l’accesso al beneficio.

 

Programma

  • Quadro normativo
  • Modalità e tempi di presentazione dell’istanza
  • Le nuove criticità: autocertificazione Temporary Framework sezione 3.1 o 3.12, significato e conseguenze
  • Il quadro A: elenco degli aiuti, finalità e modalità di compilazione
  • Il quadro B: l’impresa unica nell’ottica degli aiuti di stato e le conseguenze sul contributo a fondo perduto
  • Risposte ai Quesiti

 

Docente

Sandra Pennacini
Giornalista pubblicista, esperta di materie fiscali e contabili.

13/07/2021 - DECRETO "SOSTEGNI-BIS", SCADENZE

Rivalutazione terreni e partecipazioni, cambiano i termini di versamento dell'imposta sostitutiva News

Tra i numerosi emendamenti approvati dalla Commissione Bilancio della Camera al testo di conversione in legge (Ddl n. 3132-A) del decreto “Sostegni-bis” (D.L. 25 marzo 2021, n. 73 ) - che nelle prossime ore riceveranno l’assenso dell’Aula di Montecitorio - si segnalano le seguenti:

  1. le imposte sostitutive dovute per la rivalutazione di partecipazioni in società non quotate e terreni posseduti alla data del 1° gennaio 2021, possono essere rateizzate fino a un massimo di tre rate annuali di pari importo, a decorrere dal 15 novembre 2021 (rispetto al previgente 30 giugno 2021). La redazione e il giuramento della perizia devono essere effettuati entro la data del 15 novembre 2021 (rispetto al previgente 30 giugno 2021);
  2. è stato prorogato dal 30 giugno al 31 dicembre 2021 il termine per usufruire del credito d’imposta per i costi di costituzione o trasformazione in società benefit, introdotto dal decreto “Rilancio” (D.L. 19 maggio 2020, n. 34 , convertito con modifiche dalla Legge 17 luglio 2021, n. 77 ). Sono agevolabili anche i costi notarili, le spese di iscrizione al Registro delle imprese, i costi di consulenza e assistenza legale per la costituzione o trasformazione in società benefit. È fissato in 10mila euro per ciascun contribuente l’importo massimo del credito d’imposta utilizzabile in compensazione;
  3. è inoltre prevista l’introduzione di un credito d’imposta nella misura del 25 per cento per le imprese - indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano - che effettuano spese per attività di formazione professionale di alto livello. Sono ammissibili al credito d’Imposta le spese sostenute, fino all’importo massimo di 30.000 euro per ciascuna impresa beneficiaria, relative al costo aziendale del dipendente per il periodo in cui è occupato nelle attività di formazione attraverso corsi di specializzazione e perfezionamento legati allo sviluppo di nuove tecnologie e all’approfondimento delle conoscenze delle tecnologie previste dal Piano nazionale Industria 4.0.