News

01/04/2021 - EMERGENZA CORONAVIRUS

Approvato il nuovo decreto anti-Covid: Italia rossa o arancione fino al 30 aprile News

È stato approvato ieri dal Consiglio dei Ministri un nuovo decreto-legge, contenente misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da Covid-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici, che proroga fino al 30 aprile 2021 l’applicazione delle disposizioni del D.P.C.M. 2 marzo 2021 , salvo che le stesse contrastino con quanto disposto dal medesimo decreto-legge, e di alcune misure già previste dal D.L. 13 marzo 2021, n. 30 .

In particolare, secondo quanto indicato dal Comunicato Stampa diramato dal Governo a margine della seduta, la proroga riguarda:

  1. l’applicazione nelle zone gialle delle misure della zona arancione;
  2. l’estensione delle misure previste per la zona rossa in caso di particolare incidenza di contagi (superiori a 250 casi ogni 100mila abitanti e nelle aree con circolazione delle varianti) sia con ordinanza del Ministro della salute che con provvedimento dei Presidenti delle Regioni;
  3. la possibilità, nella zona arancione, di uno spostamento giornaliero verso una sola abitazione privata abitata in ambito comunale, con le limitazioni già vigenti. Tale spostamento è invece vietato in zona rossa. Resta confermato il “coprifuoco” dalle 22.00 alle 5.00 del mattino seguente.

Il provvedimento prevede la possibilità entro il 30 aprile di apportare modifiche alle misure adottate attraverso specifiche deliberazioni del Consiglio dei Ministri.

Inoltre, il provvedimento ha:

  • introdotto disposizioni volte ad assicurare l’assolvimento dell’obbligo vaccinale da parte del personale medico e sanitario, prevedendo una dettagliata procedura per la sua operatività e adeguate misure in caso di inottemperanza (assegnazione a diverse mansioni ovvero sospensione della retribuzione);
  • previsto l'esclusione della responsabilità penale del personale medico e sanitario incaricato della somministrazione del vaccino anti SARS-CoV-2, per i delitti di omicidio colposo e di lesioni personali colpose commessi nel periodo emergenziale, allorché le vaccinazioni siano effettuate in conformità alle indicazioni contenute nel provvedimento di autorizzazione all’immissione in commercio e alle circolari pubblicate sul sito istituzionale del Ministero della salute relative;
  • disposto la proroga al 31 luglio 2021 di alcune norme in materia di giustizia civile, penale, amministrativa, contabile e tributaria;
  • esteso agli enti del Terzo settore (Onlus, OdV ed Aps) la disciplina prevista per lo svolgimento delle assemblee ordinarie con modalità semplificate per le società sino al 31 luglio 2021;
  • previsto lo svolgimento in presenza dal 7 al 30 aprile 2021, sull’intero territorio nazionale (anche in zona rossa), dei servizi educativi per l’infanzia e della scuola dell’infanzia, nonché dell’attività didattica del primo ciclo di istruzione e del primo anno della scuola secondaria di primo grado. Per i successivi gradi di istruzione è confermato lo svolgimento delle attività in presenza dal 50% al 75% della popolazione studentesca in zona arancione mentre in zona rossa le relative attività si svolgono a distanza, garantendo comunque la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Il testo del decreto prevede inoltre una proroga di 150 giorni per l'elezione dei nuovi Consigli nazionali degli ordini professionali in scadenza che non sono riusciti a svolgere le procedure elettorali a causa della pandemia, ma solo per consentire l'adeguamento dei sistemi per lo svolgimento delle stesse con modalità telematica.

31/03/2021 - ADEMPIMENTI, SCADENZE

Superbonus, prorogato al 15 aprile il termine per comunicare l'opzione per lo sconto in fattura o la cessione della detrazione News

Nell'ambito della disciplina sul Superbonus, slitta dal 31 marzo 2021 al 15 aprile 2021 il termine entro il quale potranno essere inviate le comunicazioni delle opzioni per lo sconto in fattura o la cessione della detrazione, relativamente alle spese sostenute nel 2020: lo ha disposto l'Agenzia delle Entrate con il Provvedimento direttoriale 30 marzo 2021, n. 83933/2021 . Entro lo stesso termine del 15 aprile dovranno essere inviate eventuali richieste di annullamento o comunicazioni sostitutive di comunicazioni inviate dal 1° al 15 aprile 2021, relativamente alle spese sostenute nel 2020.

Al riguardo si ricorda quanto segue:

  1. ai sensi dell'art. 121 del decreto “Rilancio” (D.L. 19 maggio 2020, n. 34 , convertito con modifiche dalla Legge 17 luglio 2020, n. 77 ), in relazione al Superbonus di cui al precedente art. 119 e alle detrazioni spettanti per gli altri interventi edilizi di cui al secondo comma del medesimo art. 121 , il beneficiario può optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori che hanno realizzato gli interventi o, in alternativa, per la cessione a soggetti terzi del credito corrispondente alla detrazione spettante, compresi banche ed altri intermediari finanziari;
  2. con il Provvedimento direttoriale direttoriale 8 agosto 2020, n. 283847 , punto 4.1, l'Agenzia delle Entrate ha stabilito che la comunicazione dell’opzione debba essere trasmessa in via telematica alla stessa Agenzia entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione;
  3. con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 22 febbraio 2021, n. 51374 , limitatamente alle spese sostenute nel 2020, detto termine era stato prorogato al 31 marzo 2021;
  4. l’art. 5, comma 22 , del decreto “Sostegni” (D.L. 22 marzo 2021, n. 41 ) ha prorogato al 10 maggio 2021 il termine per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.

30/03/2021 - DECRETO "SOSTEGNI"

Contributi a fondo perduto “Sostegni”, per i soggetti che hanno avviato l'attività dal 1° gennaio 2019 cambiano le modalità di calcolo News

Per i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 1° gennaio 2019, il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 1 del decreto “Sostegni” (D.L. 22 marzo 2021, n. 41) spetta a prescindere dalla circostanza che essi abbiano registrato un calo del 30% della media mensile del fatturato del 2020 rispetto alla corrispondente media del 2019: è quanto prevede il Provvedimento direttoriale 29 marzo 2021, n. 82454/2021 , che ha, in tal senso, modificato il Provvedimento 23 marzo 2021, n. 77923/2021 .

Le istruzioni per la compilazione dell'istanza, conseguentemente aggiornate, hanno precisato che per tali soggetti il contributo è determinato nel seguente modo:

  • se la differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 risulta negativa (cioè il dato del 2020 è inferiore rispetto al dato del 2019), il contributo è determinato applicando alla predetta differenza la percentuale del 60, 50, 40, 30 o 20 per cento a seconda dell’ammontare dei ricavi o compensi dichiarati nel 2019 (fermo restando il riconoscimento del contributo minimo di cui al punto successivo, qualora superiore);
  • nel caso in cui, invece, la differenza di cui al punto precedente risulti positiva o pari a zero, il contributo è pari all’importo di euro 1.000 per le persone fisiche e di euro 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Si precisa inoltre che:

  1. ai fini della quantificazione del contributo, per i medesimi soggetti la percentuale di calo indennizzabile dev’essere applicata al calo della media mensile di fatturato calcolata per i soli mesi successivi a quello di attivazione della partita Iva;
  2. restano comunque fermi il limite massimo di ricavi o compensi per l’ammissione al contributo e gli importi minimi e massimi del medesimo;
  3. non cambiano le specifiche tecniche approvate con il richiamato Provvedimento 23 marzo 2021 .

Si ricorda infine quanto segue:

  1. sono ammessi al contributo i soggetti titolari di partita Iva, residenti o stabiliti in Italia, che:
    1. svolgono attività di impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 10 milioni nel secondo periodo d’imposta antecedente a quello di entrata in vigore del decreto, oppure
    2. producono reddito agrario ex art. 32 del Tuir;
  2. al contributo sono ammessi anche gli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo Settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in relazione allo svolgimento di attività commerciali;
  3. il contributo non spetta:
    1. ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del decreto;
    2. ai soggetti che hanno attivato la partita Iva dopo l’entrata in vigore del medesimo decreto;
    3. agli enti pubblici di cui all’art. 74 del Tuir;
    4. agli intermediari finanziari e alle società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del Tuir.

29/03/2021 - SCADENZE, PREVIDENZA

Prorogati dalla Cassa Dottori Commercialisti i termini di versamento dei contributi News

La Cassa dei dottori commercialisti ha disposto la proroga al 30 giugno 2021 del termine per il versamento dei seguenti contributi:

  1. seconda rata delle eccedenze contributive 2020 (scadenza 31 marzo 2021). Con un comunicato stampa pubblicato sul sito della CNPADC (ora Cassa Dottori Commercialisti), si precisa che “Chi volesse avvalersi della proroga del termine, e ha optato per il pagamento tramite SDD, deve provvedere presso il proprio Istituto di Credito alla revoca dell’addebito della seconda rata (la Cassa comunicherà successivamente le nuove modalità di versamento), mentre chi ha optato per il pagamento mediante MAV potrà comunque utilizzare, entro il 30 giugno 2021, il bollettino disponibile nell’area documentale dei servizi online del sito, anche se riportante la scadenza del 31 marzo 2021”;
  2. prima rata/rata unica dei contributi minimi 2021 (scadenza 31 maggio 2021). Successivamente saranno indicate le modalità di pagamento dei contributi minimi 2021 che terranno conto anche delle disposizioni attuative del Fondo per l’esonero ex art. 1, commi 20 e seguenti, della Legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di Bilancio 2021), ampliato ad opera dell'art. 3 del decreto “Sostegni” (D.L. 22 marzo 2021, n. 41 ).

Sono stati inoltre sospesi, dal 23 marzo al 30 giugno 2021, i termini di adesione alle proposte di ricongiunzione in entrata e/o riscatto del corso legale di laurea, del servizio militare, del tirocinio, nonché del versamento delle rate dei piani di ammortamento previsti per il pagamento dell’onere derivante sempre da ricongiunzione e/o riscatto. I termini riprenderanno il 1° luglio 2021.

26/03/2021 - FORMAZIONE ON-LINE

Il Decreto Sostegni e le nuove misure per imprese e professionisti: oggi il nuovo Convegno On-line MySolution in diretta streaming News

Si svolgerà oggi in diretta streaming, dalle ore 15.00 alle 17.00, il nuovo Convegno On-line accreditato MySolution, dal titolo "Il Decreto Sostegni e le misure per imprese e professionisti"Relatori i nostri docenti Mauro Nicola e Riccardo Lambri.

Sempre al fianco dei professionisti al momento opportuno, MySolution propone un Convegno On-line illustrativo dei contenuti del nuovissimo Decreto Sostegni che, oltre a prevedere ed innovare le modalità di concessione dei contributi a fondo perduto, in forma più semplice e immediata e senza criteri settoriali, introduce nuovi aiuti mediante il saldo e stralcio delle cartelle esattoriali e la rimodulazione dei termini di riscossione

Durante l’incontro, i relatori faranno chiarezza sulle ultime misure previste dal nuovo Governo Draghi a sostegno delle categorie più colpite dalla crisi economica causata dalla pandemia. Come di consueto, ampio spazio verrà dedicato alle risposte ai quesiti che arriveranno durante la diretta. L’evento Gratuito affronterà con estrema praticità tutte le novità più rilevanti previste da nuovo Decreto Sostegni.

Il Corso permetterà di maturare 2 CFP per Dottori Commercialisti e avrà la durata di 2 ore, dalle ore 15.00 alle 17.00.

L’evento è GRATUITO per tutti i professionisti, per partecipare al Corso e ricevere il LINK alla diretta è necessario iscriversi qui:

ISCRIVITI AL CORSO

Buon lavoro da MySolution

 

Il Programma del Corso

  • Nuovi contributi a fondo perduto per imprese e professionisti
  • Saldo e stralcio delle cartelle esattoriali
  • Nuovi termini per la pace fiscale
  • Definizione agevolata degli avvisi bonari
  • Rimodulazione della notifica delle cartelle esattoriali e ripresa dei versamenti
  • Proroghe scadenze fiscali